AirPods e Android: cosa funziona e cosa no | Lezioni(di)Mela Blog

Lezioni(di)Mela

La tua Scuola di Mac e iPhone via Internet

AirPods e Android: cosa funziona e cosa no



Un numero crescente di utenti si domanda se sia possibile utilizzare gli auricolari senza fili di Apple con cellulari non iPhone. La buona notizia è che gli AirPods funzionano su Android, ma ci sono delle limitazioni. Ecco cosa va e cosa invece no.
Gli AirPods sono degli auricolari stilosi e di ottima qualità: rappresentano uno dei prodotti di maggior successo della mela, e non sorprende che facciano gola anche a chi non possiede un iPhone; dunque, è possibile abbinarli ad un dispositivo non-iOS? Assolutamente sì: possono funzionare con qualunque dispositivo che supporti Bluetooth. In questa lezione, vi spieghiamo come abbinare AirPods ad Android, cosa potete farci e cosa invece non funzionerà.

Leggi anche: Costi di sostituzione della custodia o di un auricolare AirPod

Abbinare AirPods ad Android




Mentre con iPhone, basta aprire l'astuccio per procedere all'abbinamento in modo automagico, su Android occorrerà seguire la procedura standard:

  1. Aprite il case degli AirPods
  2. Aprite le impostazioni Bluetooth sul dispositivo Android
  3. Sull'astuccio degli AirPods, premete e tenete premuto il pulsantino di abbinamento che sta sul retro
  4. A questo punto, gli AirPods dovrebbero comparire nella lista dei dispositivi Bluetooth sul telefono: selezionatelo e date ok

Da quel momento in poi, le cuffie sono abbinate, e si agganceranno automaticamente ogni volta che le tirerete fuori dalla custodia.

Leggi anche: Pulire AirPods e auricolari Apple, guida completa

Cosa Funziona




Ve lo diciamo subito e spassionatamente. Di per sé, l'accoppiata AirPods + Android non vi darà grosse soddisfazioni. È come se aveste abbinato qualunque altro tipo di cuffia, e dimenticatevi pure di Siri. Ecco le feature supportate:

  • Play/Pause: Quando eseguite un doppio tocco su uno dei due auricolari, la musica verrà messa in pausa o avviata.
  • Traccia Prima/Dopo: Se avete precedentemente abbinato AirPods con un iPhone, potete modificare il doppio tocco affinché vada al brano precedente o successivo anche su Android. La cosa si configura in Impostazioni Bluetooth AirPods Tocca 2 volte AirPod. In alternativa, potete installare un'app di terze parti (leggi sotto).
  • Copertura: Gli AirPods hanno in media una copertura Bluetooth molto superiore a quella dei prodotti concorrenti; ciò significa che funzioneranno bene anche se il telefono è molto distante, e questo è vero anche per gli smartphone Android.

E questo è quanto. Sappiate però che esistono delle app sul PlayStore che vi consentono di ripristinare almeno una parte delle altre funzionalità perdute. Una è AirBattery, l'altra AssistantTrigger (entrambe gratuite, con Acquisti In-App):

AirBattery su PlayStore: aggiunge su Android una feature che permette di vedere i livelli di carica degli AirPods, divise per auricolare destro e sinistro, oltreché del case. Inoltre, implementa una funzionalità sperimentale di individuazione del padiglione auricolare che mette in pausa la musica automaticamente quando li sfilate dalle orecchie.

AssistantTrigger su PlayStore: anche quest'app nostra i livelli di carica degli AirPods e supporta il pause/play quando sfilate gli auricolari; inoltre consente di personalizzare i gesti. Per esempio, potete configurare il doppio tocco per aprire Assistente Google

Cosa Non Funziona




Qui di seguito invece c'è la lista delle feature che perdete, utilizzando AirPods con Android:


  • Siri: Con iPhone, basta un tocco sugli auricolari per interagire con Siri, alzare/abbassare il volume, mandare avanti la traccia, o riprodurre una playlist specifica.
  • Doppio Tocco: A meno che non abbiate installato un'app di terze parti (leggi sopra), non potrete configurare il doppio tocco su AirPod. Su iPhone si può scegliere tra varie opzioni, inclusi Siri, Play/Pause, Brano Successivo e Brano Precedente.
  • Configurazione Automagica: Su iPhone basta aprire l'astuccio vicino ad iPhone, e gli auricolari si configurano da sé. Su Android, occorre seguire la procedura standard di abbinamento (che vi abbiamo spiegato a inizio post).
  • Condivisione AirPods: Una volta configurate su iPhone, gli AirPods sono automaticamente disponibile anche su tutti i Mac, gli iPad, l'Apple Watch e tutti gli altri dispositivi configurati col medesimo account iCloud.
  • Stato Batterie: Senza app di terze parti, non potrete conoscere lo stato delle batterie di AirPods o del case di ricarica. Su iPhone è perfino possibile chiedere informazioni a Siri. Su Android, dovrete installare AirBattery o Assistant Trigger.
  • Rileva automaticamente: Quando in uso con un iPhone, AirPods rilevano automaticamente quando sono posizionate nell'orecchio e ricevono l'audio dal dispositivo; basta sfilarle, per mettere l'audio in pausa. Su Android ciò è possibile solo con un'app di terze parti.
  • Auricolare Singolo: Su Android non potrete ascoltare la musica con un solo auricolare, come su iPhone. Dovrete necessariamente impiegarle entrambe.
  • Microfono Automatico: In ciascun AirPod è disponibile un microfono da utilizzare per le chiamate o per Siri. Su iPhone, tuttavia, potete attivare a piacimento quello di destra o di sinistra, oppure lasciare che gli auricolari decidano da sé in volta in volta. Su Android questa flessibilità sparisce.




Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti, per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso e per gli annunci pubblicitari.
Per maggiori informazioni, visita
lezionimela.it/privacy.