Antivirus per iPhone: ecco perché non servono | Lezioni(di)Mela Blog

Lezioni(di)Mela

La tua Scuola di Mac e iPhone via Internet

Antivirus per iPhone: ecco perché non servono

antivirus-per-iphone

Molti utenti cercano ancora su Internet un antivirus per iPhone e iPad, convinto di trovarlo. In realtà non solo non serve, ma Apple ne vieta espressamente la pubblicazione. Ecco perché.

Diciamolo subito: non esistono antivirus per iPhone. Apple non li consente su App Store per la semplice ragione che non servono a nulla: ad oggi non esistono virus per iOS. E infatti quei pochi anti-malware che trovate sono esclusivamente specchietti per le allodole, hanno spesso funzionalità marginalmente attinenti alla sicurezza, e di certo non possono eradicare alcun virus su iPhone. Ammesso che ce ne fossero, si intende.

Chi si pone questo tipo di problemi probabilmente viene dal mondo Windows o Android, dove invece trojan e malware rappresentano l'allegra quotidianità. Nel mondo Apple non ci curiamo di queste questioni, in particolar modo su iPhone e iPad; e se proprio ce lo chiedete, troviamo ridicolo sprecare le preziose risorse di calcolo di uno smartphone per tappare i buchi di un sistema operativo colabrodo che non fa il suo dovere. Il primo compito di un sistema informatico, infatti, è quello di proteggere i dati dell'utente: se non lo fa, o non è tecnicamente in grado di garantirlo, forse avete sbagliato il destinatario della vostra fiducia.

In altri termini, i cosiddetti antivirus che si trovavano fino a qualche tempo fa su App Store erano poco più che vane promesse, per non dire fregature; sfruttavano l'imperizia (e le cattive abitudini) degli utenti meno informati, e propinavano loro software per lo più inutili.

Ogni applicazione che finisce su App Store viene attentamente analizzata dagli ingegneri di Cupertino e, se è pericolosa, viene bloccata e rispedita al mittente. Tant'è che capita spesso che un'app anche famosa sia momentaneamente non disponibile (in questi giorni è accaduto alla nota app di messaggistica Telegram); semplicemente, Apple rispedisce al mittente la build finché non risponde alle linee guida. Dunque, se non scaricate applicazioni al di fuori dell'App Store o illegalmente (tipo col Jailbreak), potete sempre ritenervi ragionevolmente al sicuro. Più al sicuro che su Android, in ogni caso.

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti, per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso e per gli annunci pubblicitari.
Per maggiori informazioni, visita
lezionimela.it/privacy.