Apple Watch: monitoraggio continuo del battito cardiaco | Lezioni(di)Mela Blog

Lezioni(di)Mela

La tua Scuola di Mac e iPhone via Internet

Apple Watch: monitoraggio continuo del battito cardiaco

apple-watch-battito

Apple Watch ha salvato già molte vite grazie al controllo continuo del battito cardiaco, ecco perché è importante attivarlo al più presto. Vi spieghiamo come impostare le Notifiche per il battito cardiaco accelerato.

Quando il battito cardiaco raggiunge ritmi elevati a riposo, vuol dire che c'è qualcosa che non va. Si tratta di un campanello d'allarme importante che non bisogna sottovalutare, perché spesso prelude a problemi di un certo rilievo. La buona notizia è che, se presi per tempo, certi sintomi permettono di arrivare subito ad una diagnosi, e a iniziare così il percorso di guarigione.

Tutti i possessori di Apple Watch dovrebbero attivare subito la notifica di battito accelerato. Cosa che può essere fatta così:

  • Su iPhone, aprite l'app Apple Watch
  • Toccate Battito cardiaco > Frequenza elevata
  • Selezionate un valore di riferimento in BPM, cioè battiti al minuto

Nota bene: queste funzionalità non sono presenti sul primo Apple Watch lanciato; sono state introdotto con Apple Watch Series 1 che è una variante aggiornata di quella originale (processore più veloce). Dunque, niente da fare per quanti hanno comprato la primissima versione.

I valori di riferimento variano da persona a persona, e dipendono dallo stato di salute, dall'età e dalla forma fisica, e per questa ragione Apple Watch consente di adattarli alle proprie esigenze; un utente con valori attorno ai 60 battiti a riposo, potrebbe impostare l'allarme già a 100 battiti/minuto; chi è tendenzialmente tachicardico, potrebbe preferire valori più alti, attorno ai 140. In ogni caso, già 150 battiti a riposo costituiscono una grave forma di tachicardia.

Utenti particolarmente in forma potrebbero scendere sotto i 60 battiti a riposo, ed è perfettamente normale. Un cuore lievemente bradicardico (cioè che batte più lentamente), infatti, ha più tempo per risposarsi tra una spinta e l'altra, e dunque lavora meno e più a lungo. Di notte, è normale scendere anche sotto a 40-50 battiti al minuto.

Per vostro riferimento, riportiamo qui di seguito i valori di frequenza massima che non bisogna mai superare, in base alla vostra età e ipotizzando uno stato di salute pressoché ottimale. Lo schema vale anche per gli allenamenti:

Età Frequenza Massima

20 - 200
25 - 195
30 - 190
35 - 185
40 - 180
45 - 175
50 - 170
55 - 165
60 - 160
65 - 155
70 - 150
75 - 145
80 - 140








Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti, per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso e per gli annunci pubblicitari.
Per maggiori informazioni, visita
lezionimela.it/privacy.