Automator Mac: esempi pratici di cosa potete farci | Lezioni(di)Mela Blog

Lezioni(di)Mela

La tua Scuola di Mac e iPhone via Internet

Automator Mac: esempi pratici di cosa potete farci



Automator è l'applicazione di Apple per Mac che consente di programmare e automatizzare i flussi di lavoro del computer senza essere programmatori. Chiunque può mettere su un programma su Automator in pochi minuti. Ecco qualche esempio pratico.

Per usare le parole di Apple, Automator è un assistente alla programmazione; in sostanza, è un'app con una libreria di azioni predefinite che potete concatenare tra loro per automatizzare (e far diventare istantanei) flussi di lavoro ripetitivi che altrimenti richiederebbero ore di clic e trascinamenti. Il bello di questa soluzione è che potete adattarla a tutte le vostre esigenze, e addirittura potete scaricare flussi di lavoro già fatti e modificarli poi in un secondo momento.

L'unica contropartita sta nel fatto che, nonostante gli sforzi di Apple, talvolta l'app risulta un po' più ostica del previsto. Ecco quindi qualche esempio pratico per aiutarvi capire come potrebbe tornarvi utile.

Leggi anche: Impostare il Conteggio Caratteri su Mac con Automator

Panoramica di Automator




Per avviare Automator, basta fare doppio clic sull'app omonima nella cartella Applicazione. All'avvio, vi verranno proposte diverse possibilità tra cui scegliere: per non sbagliare, partite sempre con Flusso di Lavoro. Questa formula creerà flussi che potete salvare, modificare, e condividere con altri utenti; quando poi siete certi del risultato ottenuto e del corretto funzionamento del programma, salvatelo come applicazione. Questo coprirà il 90% delle esigenze degli utenti.

Qui di seguito, una rapida panoramica dell'ìnterfaccia di Automator. Studiatevela un secondo, e poi proseguiamo subito con qualche guida passo-passo.



  1. Elenco delle categorie di Azioni disponibili, divise per categoria.
  2. Tutte le Azioni predefinite. In basso c'è la descrizione dell'azione, e l'effetto che otterreste applicandola.
  3. Campo di ricerca delle Azioni: quando siete di fretta e vi serve qualcosa per (ad esempio) la stampa, scrivete lì "stampare" e cercate il comando che più si avvicina alle vostre esigenze.
  4. Lì è dove infilate le varie Azioni, letteralmente trascinandole con Dra&Drop dal punto 2.
  5. È l'area log, ovvero la zona in cui Automator vi spiega l'esito dei vari comandi. Serve per individuare eventuali errori nella programmazione.

Esempi Pratici




Siccome la teoria è bella, ma un esempio vale 10 spiegazioni, ecco qualche suggerimento pratico su come utilizzare Automator. Vi forniamo solo le "ricette" per creare app semplici, ma sentitevi liberi di concatenarle tra loro o modificarle come preferite. In fondo ad ogni mini-guida, troverete anche i file Automator da scaricare e da aprire in Automator per vedere in concreto come abbiamo creato ogni flusso di lavoro. Tenete a mente che Apple ha messo su una pagina sul proprio sito Web per aiutarvi a comprendere meglio il funzionamento di quest'app. E se nonostante tutto avete ancora perplessità, ricordate che Lezioni(di)Mela vi può aiutare a capire come sfruttare al meglio il vostro Mac con un corso su misura personalizzato e comodamente via Internet.

1. Esportare i contatti del Mac in Excel (funziona solo se avete installato Office per Mac):

  • Trascinate Ottieni elementi Contatti selezionati dal Campo Azioni (cioè il numero 2) al Campo Flusso di Lavoro (cioè il 4)
  • Trascinate Ottieni informazioni sui contatti nel Campo Flusso di Lavoro, avendo cura di scegliere l'opzione Foglio di calcolo (pannelli) alla voce Formato Esportazione.
  • Trascinate ora il terzo elemento, Copia negli appunti.
  • Ora trascinate Crea nuova cartella di lavoro Excel
  • Trascinate infine Incolla contenuto degli Appunti in cartelle di lavoro Excel
  • Fate clic su File Salva, scegliete un nome adeguato e come formato file Applicazione. Basterà un doppio clic sull'app appena creata per trasformare tutta la lista contatti in un foglio Excel.

Scarica questo flusso di lavoro in formato .zip

2. Ridimensionare una (o più) Immagini in un Clic:

  • Trascinate Ottieni elementi del Finder specificati.
  • Trascinate Ridimensiona immagini, poi nelle opzioni dell'azione spuntate la voce Mostra questa azione quando il flusso di lavoro è in corso
  • Modificate le altre impostazioni secondo le vostre esigenze aumentando o diminuendo la larghezza dell'immagine convertita.
  • Fate clic su File Salva, scegliete un nome adeguato e come formato file Applicazione. Basterà trascinare una o più immagini sull'app appena creata per ridimensionarla al volo.
Scarica questo flusso di lavoro in formato .zip

3. Applicare Effetti alle Foto:

  • Trascinate da sinistra a destra l'azione Ottieni elementi Finder selezionati
  • Trascinate Copia elementi del Finder e selezionate una cartella in cui volete che finiscano le immagini convertite (di default, la Scrivania).
  • Trascinate Applica Quartz Composition Filter alle immagini e selezionate l'effetto desiderato tra le decine a disposizione (Seppia, Luci della Città, Bianco e Nero, e molti altri).
  • Fate clic su File Salva, scegliete un nome adeguato e come formato file Applicazione. Basterà trascinare una o più immagini sull'app appena creata per applicare al volo il filtro selezionato.

Scarica questo flusso di lavoro in formato .zip

4. Scattare una Foto a Chi Usa il Vostro Mac (solo con iSight integrata o altra WebCam):

  • Dalla lista di sinistra, trascinate verso destra Imposta il volume del computer e spuntate la voce Disattiva (cioè eviterà che chi usa il vostro Mac si accorga dello scatto fotografico)
  • Trascinate Cattura istantanea video e spuntate la voce Scatta foto automaticamente.
  • Trascinate Nuovo messaggio e-mail e compilate tutti i campi (come destinatario mail, ovviamente, dovete impostare voi stessi)
  • Trascinate Invia messaggi in uscita
  • Trascinate Imposta il volume del computer ma stavolta limitatevi a scorrere il cursore per riportare il volume ai livelli desiderati
  • Fate clic su File Salva, scegliete come nome "SicurezzaMac" e come formato file Applicazione. Poi, proseguite con la seconda parte della guida, qui di seguito.

Scarica questo flusso di lavoro in formato .zip

Per far sì che Mail intercetti la vostra richiesta, e risponda scattando una foto di chi sta usando il vostro Mac in quel momento, dovete impostare altre due piccole automazioni. Per prima cosa dovrete creare uno script, poi creare una regola di Mail. Niente di complicato, fidatevi di noi.

  • Per creare l'AppleScript, aprite Script Editor in Applicazioni Utility
  • Scrivete o fate copia incolla del seguente comando: tell application "SicurezzaMac" to launch
  • Fate clic su File Salva, scegliendo come nome "Controllo Sicurezza" e come formato Script

Scarica questo AppleScript di lavoro in formato .zip

Ora, è il momento di sigillare il tutto aggiungendo l'ultimo tassello direttamente nell'app Mail sul vostro computer:

  • Aprite Mail Preferenze
  • Selezionate Regole e infine Aggiungi sulla destra
  • Chiamate la Regola Controlla il Mac
  • Spuntate la voce Se si verificano tutte le condizioni
  • L'Oggetto è uguale a Controlla il Mac
  • Esegui le seguenti azioni: Selezionate Esegui AppleScript quindi fate clic su Nessuno script installato e selezionate Apri nel Finder
  • Nella finestra di ricerca che si aprirà, selezionate lo script che avete creato poco fa o scaricato dal punto precedente
  • Fate clic su Fine per salvare la regola

D'ora in avanti, per far scattare una foto da remoto al vostro Mac, basterà inviare una mail al vostro indirizzo mail con oggetto "Controlla il Mac" per riceverne una pochi istanti dopo con lo scatto della fotocamera. Buon divertimento.

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti, per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso e per gli annunci pubblicitari.
Per maggiori informazioni, visita
lezionimela.it/privacy.