FaceTime su iPhone: si paga? | Lezioni(di)Mela Blog

Lezioni(di)Mela

La tua Scuola di Mac e iPhone via Internet

FaceTime su iPhone: si paga?

Facetime si paga?

È una domanda che diversi utenti si pongono. Una chiamata FaceTime su iPhone -ma anche WhatsApp, FaceBook Messenger o Skype- è a pagamento? E quanto costa? Risposta breve: no, ma dipende. Vi spieghiamo come funziona.
Le chiamate cosiddette VoIP, cioè quelle che effettuate via FaceTime, WhatsApp, Skype o Viber non vengon tariffate al minuto come le telefonate normali. A prescindere che usiate solo l'audio o anche il video, in altre parole, potete sentire i vostri amici e contatti a costo zero ovunque si trovino nel mondo, e per tutto il tempo che desiderate.

Il problema è che occorre un mezzo su cui far transitare la conversazione, e quel mezzo è la connessione a Internet. Se siete a casa e l'iPhone è agganciato alla rete WiFi, nessun problema: potrete ricevere e inviare messaggi, e rispondere o avviare conferenze via FaceTime. Se vi trovate in giro, invece, avrete bisogno di una connessione dati. E questa è un'opzione che si paga, e il cui costo dipende da diversi fattori.

Scegliere la Connessione Dati

operatori_mobili_italia

Il piano mobile dipende dal gestore che avete, e dal piano tariffario. Non sempre un'opzione per navigare in mobilità è disponibile per tutti i clienti: vi consigliamo di contattare il call center del vostro operatore mobile, oppure di visitare un negozio per scoprire quali abbonamenti potete sottoscrivere.

In generale, ci sono una serie di considerazioni da fare, prima di procedere alla sottoscrizione di un abbonamento mobile:

  • Costo: è l'aspetto più importante. Oramai, si porta a casa diversi Giga di traffico mensile con (parecchio) meno di 10€ al mese. Se vi chiedono più di così, valutate altre opzioni o il cambio di operatore gratuito.
  • A consumo, o in abbonamento? Alcune tariffe di Internet mobile non richiedono alcun abbonamento: basta avere il credito necessario al momento del rinnovo dell'opzione; i piani più convenienti però spesso impongono un vincolo contrattuale, di solito di 24 mesi: in quel caso, verserete ogni settimana/mese la tariffa pagando con carta di credito. Quest'ultima opzione è molto comoda, e soprattutto conveniente ma vi impegna per 2 anni.
  • Quanto Traffico Dati? A meno che non sappiate esattamente cosa state facendo e abbiate disattivato una montagna di servizi, è impensabile utilizzare un iPhone nel 2018 senza almeno 1 Gibabyte di traffico mensile. Se poi pensavate di utilizzarlo per frequenti videochiamate FaceTime, allora non ci siamo proprio. Considerate che potreste dar fondo all'intero piano mensile con due o tre ore di videoconferenza. Dunque fatevi bene i conti, e soprattutto tenete d'occhio i massimali.

Conclusioni



Ricapitolando, FaceTime su iPhone non si paga ma occorre un abbonamento che dovrebbe almeno arrivare almeno a 1GB di traffico mensile. 1 Giga di dati può sembrare tanto, ma dovete considerare che un iPhone effettua una miriade di operazioni online, anche quando non lo usate; cose come il backup su iCloud, il caricamento delle foto su Streaming Photo, la verifica della posizione GPS, gli aggiornamenti e in generale tutte le app che avete installato accedono in qualche modo al Web. Tenetelo sempre a mente.

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti, per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso e per gli annunci pubblicitari.
Per maggiori informazioni, visita
lezionimela.it/privacy.